Feeds:
Artigos
Comentários

Archive for the ‘D. Mario Olivieri’ Category

S.E. Rev.ma Mons. MARIO OLIVERI, ai sacerdoti ai diaconi 
Lettera sul Motu Proprio “Summorum Pontificum” del Papa Benedetto XVI
Sulla celebrazione della Santa Messa

Cari Sacerdoti e Diaconi,


è con molta amarezza d’animo che ho dovuto constatare che non pochi di Voi hanno assunto ed espresso una non giusta attitudine di mente e di cuore nei confronti della possibilità, data ai fedeli dal Motu Proprio “Summorum Pontificum” del Papa Benedetto XVI, di avere la celebrazione della Santa Messa “in forma straordinaria”, secondo il Messale del beato Giovanni XXIII, promulgato nel 1962.


Nella “Tre Giorni del Clero” del settembre 2007, ho indicato con forza e chiarezza quale sia il valore ed il vero senso del Motu Proprio, come si debba interpretare e come si debba accogliere, con la mente cioè aperta al contenuto magisteriale del Documento e con la volontà pronta ad una convinta obbedienza. La presa di posizione del Vescovo non mancava della sua pacata autorevolezza, avvalorata dalla sua piena concordanza con un atto solenne del Sommo Pontefice. La presa di posizione del Vescovo era fondata dalla ragionevolezza del suo argomentare teologico sulla natura della Divina Liturgia, sulla immutabilità della sostanza nei suoi contenuti soprannaturali, ed era altresì fondata su rilievi di ordine pratico, concreto, di buon senso ecclesiale.


Le reazioni negative al Motu Proprio ed alle indicazioni teologiche e pratiche del Vescovo sono quasi sempre di carattere emotivo e dettate da superficiale ragionamento teologico, cioè da una visione “teologica” piuttosto povera e miope, che non parte e che non raggiunge la vera natura delle cose che riguardano la fede e l’operare sacramentale della Chiesa, che non si nutre della perenne Tradizione della Chiesa, che guarda invece ad aspetti marginali o per lo meno incompleti delle questioni. Non senza ragione, avevo, nella Tre Giorni citata, fatto precedere alle indicazioni operative ed ai principi guida di azione una esposizione dottrinale sulla “Immutabile Natura della Liturgia”.


Ho saputo che in alcune zone, da parte di diversi Sacerdoti e Parroci, vi è stata anche la manifestazione quasi di irrisione verso fedeli che hanno chiesto di avvalersi della facoltà, anzi del diritto, di avere la celebrazione della Santa Messa in forma straordinaria; e pure espressione di disistima e quasi di ostilità nei confronti di Confratelli Sacerdoti ben disposti a comprendere ed assecondare le richieste di fedeli. Si è anche opposto un diniego, non molto sereno, pacato e ragionato (ma ben ragionato non poteva essere) di affiggere avviso della celebrazione della Santa Messa in “forma straordinaria” in determinata chiesa, a determinato orario. (mais…)

Anúncios

Read Full Post »