Feeds:
Artigos
Comentários

Archive for the ‘Card. Domenico Bartolucci’ Category

Musica maestro. Domenico Bartolucci, storico direttore della Cappella Sistina, appena fatto cardinale invoca il ritorno alla grande tradizione

26 dicembre 2010 –

Cardinale, ma non vescovo. Monsignor Domenico Bartolucci, 93 anni, mugellano, maestro “perpetuo” del coro della Cappella Sistina – il coro polifonico che accompagna le celebrazioni papali – dal 1956 al 1997, il 19 novembre scorso, verso le 11.30 era nel suo studio, al pianoforte, quando inattesa gli giunge una telefonata dal Vaticano. Il cardinale Tarcisio Bertone desiderava incontrarlo alle 13.30 in segreteria di stato vaticana.

Di lì a poco il “maestro”, come tutti ormai lo chiamano da decenni, veniva informato della volontà del Papa di crearlo cardinale nel concistoro che si sarebbe svolto il giorno successivo. Bartolucci confessa ancora il suo stupore e una certa scossa interiore all’udire la notizia della porpora.

Dice al Foglio: “Al cardinalato non avrei mai pensato. Lo considero un grande onore e credo che il Papa abbia voluto darlo, attraverso di me, alla musica sacra. Tuttavia, vista la mia età e il mio particolare servizio alla chiesa, ho preferito non essere ordinato vescovo”.

Una scelta la sua, fatta in passato anche da altri illustri uomini di chiesa portati al cardinalato dopo aver superato l’ottantesimo anno di età e, dunque, quando è tramontata per loro ogni possibilità d’entrare in conclave in caso di morte del Papa: tra i tanti che hanno preferito non essere ordinati vescovi ci sono Hans Urs Von Balthasar (designato cardinale, è morto sulla strada che lo portava a Roma per il concistoro), Henri-Marie de Lubac e Yves-Marie-Joseph Congar.

Un cardinalato alla musica sacra, dunque. Così Bartolucci ha percepito la decisione papale. Perché? “Perché ho dedicato tutta la mia vita alla musica sacra ed è evidente che è lei che il Papa ha voluto in qualche modo riabilitare lo scorso 20 novembre. Una musica sacra troppo spesso vilipesa nella chiesa cattolica, abbandonata, scalzata da innovazioni inopportune e contrarie all’autentico spirito della liturgia, quello spirito che Benedetto XVI sta cercando di recuperare attraverso i suoi scritti e le sue celebrazioni. Si è voluti andare incontro al mondo senza accorgersi di cedere a esso e alle sue sirene”. (mais…)

Read Full Post »

Cari fratelli e sorelle,
Mi ha fatto molto piacere l’invito da parte di Padre Kramer a presiedere questa solenne celebrazione; voglio quindi anzitutto ringraziare lui per il gentilissimo pensiero. Confesso che all’inizio sono stato un po’ incerto, poiché alla mia età, pur desiderandolo, non è sempre facile venire incontro a tante richieste, né lavorare con lo stesso impegno e la stessa forza di quando ero più giovane. D’altra parte confidando nel Signore e nella Sua Santissima Madre che oggi veneriamo particolarmente come Vergine Immacolata, ho voluto accettare per poter offrire anche io il mio contributo come musicista, soprattutto in questo momento in cui il Santo Padre mi ha aggregato al Collegio cardinalizio.
La notizia della mia nomina ha rappresentato per me una profonda scossa interiore e le parole pronunciate dal Santo Padre nel corso dell’omelia nella Solennità di Cristo Re mi hanno invitato a rinnovare ed approfondire ancora la mia fede nel Signore ora più che mai chiamato, come cardinale, ad un legame stretto con il successore dell’apostolo Pietro.
Per questo, come in tutta la mia vita, voglio ancora riferirmi a Maria e trovare in lei la fonte di ispirazione per me stesso, onde rafforzare la mia fede e metterla a servizio della Chiesa e del popolo cristiano.
Nel mio sacerdozio non sono stato un predicatore, un teologo, né un pastore di una diocesi e non ho pronunciato mai grandi discorsi, tuttavia ho cercato di mettere a frutto i doni che il Signore mi ha dato e l’ho fatto attraverso la musica sacra, una nobile arte capace di penetrare efficacemente nell’animo dei fedeli, invitandoli alla conversione, alla gioia, alla preghiera.
In particolare nella civiltà occidentale la musica è l’arte che più di ogni altra deve ringraziare la Chiesa. In essa infatti è nata, è cresciuta e si è sviluppata. Come ebbi modo di dire già in occasione del Concerto offerto al Santo Padre nella Cappella Sistina, le cantorie hanno rappresentato la culla dell’arte musicale. La chiesa stessa dei primi secoli non appena ebbe la possibilità di rendere gloria al Signore pubblicamente si impegnò nella creazione dellescholae cantorum che via via nei secoli ci hanno lasciato in eredità il patrimonio del canto sacro, il canto gregoriano e la polifonia, strumenti autentici di predicazione, che spesso proprio per la loro intensità riescono a far percepire il messaggio contenuto nella parola di Dio. (mais…)

Read Full Post »

O Emin.mo Cardeal Bartolucci celebra desde sempre a Santa Missa na forma extraordinária do Rito Romano. Na Solenidade da Imaculada Conceição da Virgem Santa Maria, celebrou Missa na Igreja Paroquial da Fraternidade de S. Pedro em Roma, SS. Trinità dei Pellegrini.

Este slideshow necessita de JavaScript.

A Santa Missa foi acompanhada com algumas composições do Cardeal, que é director ad vitam da Capela Sistina.

INTR: -Orgão
-Inviolata (Bartolucci)
KYRIE e GLÓRIA da Missa Maria Imaculada (Bartolucci, versão a 4 vozes mistas à capela)
OFERTÓRIO: -Ave Maria (Victoria)
-orgão
SANCTUS e AGNUS DEI dalla Missa Cum Jubilo (Bartolucci)
COM: -gregoriano
-Tota pulchra (Bartolucci)
SAÍDA: -Alma Redemptoris gregoriano
– orgão

Autor das fotos J.P. Sonnen

Read Full Post »