Feeds:
Artigos
Comentários

Archive for the ‘Arcebispo de Los Angeles’ Category

Ecco la “mappa” della nuova generazione di vescovi che piacciono a Ratzinger: fedeli alla dottrina, ma capaci di stare nella modernità. A guidarli c’è l’arcivescovo di Los Angeles, José H.Gomez

GIACOMO GALEAZZI
CITTÀ DEL VATICANO

“Conservatore creativo” è un termine coniato negli Stati Uniti. Sono unanuova leva di presuli, conservatori perché fedeli alla dottrina della Chiesama nello stesso tempo creativi e cioè capaci di innestare la stessa dottrina nella modernità senza tradimenti, senza cedimenti di sorta. E’ il magistero che il Papa teologo e pastore vuole che i suoi vescovi mettano in pratica: non chiusure pretestuose di fronte alle sfide della modernità, ma aperture coraggiose e fedeli al bimillenario insegnamento della Chiesa stessa.

 

 

«A conservative bishop for Los Angeles», titolarono i giornali Usa quando ad aprile 2010 monsignor José H.Gomezvenne indicato come successore del cardinale «liberal» Roger Mahony.  Nell’identikit del “conservatore creativo” si riconoscono figure di primo piano della Chiesa mondiale come il ministro vaticano dei vescovi Ouellet, l’arcivescovo di Milano, Angelo Scola, il cardinale di Budapest Erdo, Scoenborn, il prima del Belgio Leonard, il capo della chiesa cattolica inglese NicholsDolan, Di Nardo,il neo-arcivescovo di Filadelfia ChaputWuerlGeorge, il prossimo patriarca di Venezia, Moraglia, il vescovo di Bolzano e Bressanone, Ivo Muser, l’arcivescovo polacco Budzik.

 

 

Monsignor Gomez è il capofila di quei presuli «conservatori creativi» di cui Benedetto XVI sta riempiendo le diocesi dei cinque continenti.  Una scelta di discontinuità quella del messicano Gomez, che fa parte dell’Opus Dei ed è stato inserito dalla rivista “Time” nel 2005 tra i 25 ispanici più influenti degli Stati Uniti, vincitore del premio “Buon Pastore” nel 2003 quand’era arcivescovo di San Antonio.  Tra i “conservatori creativi”  il “Ratzinger di L.A.” non è certamente il più conosciuto al di fuori dei Sacri Palazzi, ma la sua ascesa è costante. Monsignor Gómez è nato a Monterrey, in Messico, il 26 dicembre del 1951 ed ha scoperto la sua chiamata al sacerdozio quando era molto giovane, come racconta ad H2onews. «Per circostanze familiari quando cominciai a pensarci più seriamente è stato appena finita la scuola secondaria. Allora sentii che Dio mi chiamava al sacerdozio ma decisi di aspettare fino alla fine dell’università. Credo che il punto chiave della mia vocazione sacerdotale sia stato che una volta finita la scuola secondaria decisi di andare ogni giorno a messa, pensando che se ero cattolico dovevo prendere sul serio la mia fede».

 

 

Nonostante gli ostacoli familiari e le paure personali che precedettero la sua ordinazione, l’arcivescovo José Gómez ricorda quel giorno con grande gioia e soddisfazione, per sé e per la sua famiglia:«Quindi alla fine, nonostante le piccole scaramucce tra di noi per il fatto che non erano molto convinti, Dio ha concesso loro l’allegria più grande che mai si potessero aspettare e a me la più grande benedizione». Da allora monsignor Gómez è uno dei sacerdoti più attivi degli Stati Uniti ed ha svolto un ruolo fondamentale nel lavoro con le comunità ispaniche del paese.

 

Nel 2007 la CNN lo indicò come uno degli ispanici più in vista in occasione del “Mese della Tradizione Ispanica”, e tra gli altri ruoli è membro fondatore dell’Associazione Cattolica dei Leader Latino-americani (C.A.L.L). Monsignor Gomez è un nome che farà molto parlare di sé in futuro. Leader dei cattolici ispanici americani deve molto al periodo in cui ha collaborato come ausiliare dell’arcivescovo di Denver, Charles Chaput, che ha lavorato per “sponsorizzarlo” a Roma.

 

 

Ma molto ha fatto per lui anche il cardinale Justin Francis Rigali, (mais…)

Anúncios

Read Full Post »